22
Ven, Feb
90 New Articles
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Salva

Valle d'Aosta. Bilancio della Fiera di Sant’Orso 2019 tra tradizione e futuro

Spazio Valle d'Aosta
Typography
Alta qualità delle opere esposte e nuove iniziative come la Carta dell’artigianato e lo Street Food. La dichiarazione finale dell'assessore regionale Renzo Testolin.

L’Assessorato delle Finanze, Attività produttive e Artigianato della Regione Autonoma Valle d’Aosta, traccia il bilancio della 1019^ Fiera di Sant’Orso, che si è conclusa ad Aosta. I visitatori complessivi della fiera millenaria sono stati 131.096.

Il programma della Fiera, oltre agli appuntamenti classici che sono sempre apprezzati e seguiti con attenzione, quest’anno è stato caratterizzato da un crescendo di iniziative collaterali, realizzate grazie alla sinergia fra diverse strutture regionali competenti come la prima volta dello Street Food Valdostano che ha consentito ai numerosi visitatori di degustare i prodotti del territorio nella meravigliosa cornice del Teatro romano, completando la variegata offerta gastronomica garantita dai Punti Rosso Neri gestiti dalle Pro loco valdostane e dai ristoranti della città. Anche il Padiglione Enogastronomico di Piazza Plouves, ormai consolidato, ha registrato un ottimo afflusso a sottolineare come anche l’artigianato agroalimentare sia in costante crescita. notevole successo La Veillà di Petchou, presso la Cittadella dei Giovani, incentrata sulla filiera della lana, con la possibilità per i bambini di vedere da vicino le pecore di razza Rosset.

LA DICHIARAZIONE DELL’ASSESSORE REGIONALE RENZO TESTOLIN - «La Foire, proseguendo nel suo percorso ricco di storia, ha rappresentato un appuntamento di straordinaria importanza per tutta la comunità valdostana e costituisce un momento unico per la valorizzazione dell’artigianato di tradizione. Ma la Fiera guarda al futuro: durante l’evento si sono riunite ad Aosta le maggiori associazioni regionali che lavorano a vario titolo per la valorizzazione dell’artigianato d’arte e di tradizione: iniziativa che ha consentito di programmare un percorso comune nell’ambito della Carta internazionale dell’artigianato artistico della tradizione e ipotizzare sinergie garantire, nel rispetto delle proprie peculiarità, occasioni di crescita e di lavoro per le future generazioni e sviluppi che portino a valorizzare quest’enorme. Gli artigiani si sono detti entusiasti della competenza e dell’interesse manifestato dai visitatori dell’edizione 2019. Una dimostrazione di come la Fiera abbia saputo coinvolgere anche i veri intenditori e appassionati dell’artigianato tipico di tradizione. Un caloroso ringraziamento, va rivolto a tutti coloro, forze dell’ordine, volontari, gruppi, enti ed associazioni, che hanno contribuito alla buona riuscita della 1019° edizione della Fiera».

Ph. Regione Autonoma Valle d'Aosta

ARTICOLI CORRELATI SULLA FIERA DI SANT'ORSO 2019