13
Mer, Nov
197 New Articles
MESSAGGIO PROMOZIONALE
 

Salva

Salva

Salva

La Douja d'Or 2019 e il Festival delle Sagre

Grandi Eventi
Typography

Il 53° Salone nazionale di vini selezionati "Douja d'Or" e il e 46° Festival delle Sagre: dal 6 al 15 settembre. Asti si tinge dei bianchi e dei rossi di tutta Italia e diventa capitale del vino.

Apre i battenti la 53ª edizione del Salone Nazionale di vini "Douja d'Or" organizzata dall'Azienda speciale della Camera di Commercio di Asti, in collaborazione con numerosi partner pubblici.

Per questa edizione del Salone della Douja, dal 6 al 15 settembre 2019, il centro storico di Asti, si trasformerà come sempre in una coloratissima "Città del vino" all'interno della quale verranno presentati, in degustazione e in vendita, tutti i vini Doc, Docg e Igp premiati al 47° Concorso enologico nazionale Premio "Douja d'Or 2019".

268 le etichette selezionate, rappresentative di 164 aziende di tutta Italia, in cui svetta il Piemonte, premiato con ben 109 vini, seguito a distanza da Sicilia (18) e Veneto (17). Sul podio delle province piemontesi, Asti con 52 etichette premiate, seguita da Cuneo (40) e Alessandria (11). 29 i vini che sono riusciti a ottenere il prestigioso Oscar Douja d'Or.

La "Douja"

Nel dialetto piemontese la "Douja" (si pronuncia dùia) è l'antico recipiente di terracotta utilizzato per travasare, conservare e servire il vino. La maschera piemontese allegra e godereccia del Gianduja, Gian d'la Douja, la usa al posto del bicchiere proprio per le sue allegre bevute in compagnia. Ad Asti la "Douja d'Or" è da sempre sinonimo di festa del vino. Una manifestazione, ideata nel 1967 dall'allora Presidente della Camera di commercio Giovanni Borello, che è cresciuta di anno in anno fino a diventare una delle più prestigiose fiere-mercato del vino italiano e una importante vetrina nazionale e internazionale del territorio e dei prodotti astigiani.

"Palio, Douja d'Or, Festival delle Sagre ed Arti e Mercanti, scandiranno il 'Settembre Astigiano', un mese intenso che si svolge tra appuntamenti legati al territorio, all'enogastronomia, alle mostre e agli spettacoli che creano un'atmosfera gioiosa e sono un richiamo per i turisti nonché l'occasione per far apprezzare ancora di più agli astigiani la nostra città.

Il 53° Salone Nazionale Douja d'Or 2019

Il Salone, organizzato dalla Camera di Commercio di Asti, attraverso la sua Azienda speciale per la promozione e la regolazione del mercato, si terrà dal 6 al 15 settembre 2019 ad Asti, in collaborazione con numerosi partner pubblici. La "Città della Douja" sarà in grado di accogliere i visitatori in tutto il centro storico, confermando la volontà di includere tutto il tessuto urbano e sociale locale, che aprirà piazze e vie cittadine a un connubio ideale tra dimensione produttiva, offerta culturale e presenza turistica.

L'apertura al pubblico del Salone, e del Banco di degustazione dei 268 vini Doc, Docg e Igp premiati al 47° Concorso enologico nazionale "Douja d'Or" è fissata per venerdì 6 settembre alle ore 19, in piazza Roma.

Il Salone si conferma come un evento diffuso che si snoda nel centro storico di Asti, partendo da piazza Roma, dove sono allestiti il banco di degustazione dei vini premiati, il mercatino delle specialità agroalimentari del territorio, passando per Palazzo Ottolenghi che ospita, oltre alla cantina dei vini della Douja, la Rassegna dei vermouth e dei vini aromatizzati, le grappe del premio Alambicco d'Oro e i migliori distillati del Piemonte, per arrivare alla Scuola Alberghiera, dove si possono gustare il piatto e il dolce d'autore accompagnati da Doc e Docg di eccellenza del territorio.

Novità dell'edizione 2019 l'area in piazza Roma dedicata ai sapori del territorio, gestita dalle associazioni di categoria del settore agricolo (Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agricoltori), che presenteranno i prodotti di eccellenza del Monferrato da abbinare alle degustazioni dei vini vincitori della Douja d'Or.

In piazza San Secondo i dieci consorzi di tutela piemontesi, coordinati da Piemonte Land of Perfection, propongono in degustazione le più nobili produzioni vinicole regionali.

Proseguendo in corso Alfieri si giungerà alla Douja del Monferrato nella cornice del prestigioso Palazzo Alfieri, dove sarà possibile degustare gli ottimi vini tutelati dal Consorzio Barbera e Vini del Monferrato.

Al percorso tra i profumi e i sapori dell'enogastronomia si unisce l'affascinante itinerario artistico attraverso i principali musei cittadini (dal Museo di Palazzo Mazzetti alla Cripta e Museo di S. Anastasio, da Palazzo Alfieri alla Domus romana, dalla Torre Troiana al Complesso monumentale di S. Pietro, dal Museo paleontologico al Museo del Risorgimento), in un viaggio che porta il visitatore a vivere un'esperienza fatta non solo di gusto e olfatto ma anche di memoria, emozioni e ricordi legati alla storia e alle tradizioni dei luoghi.

Evento di grande rilievo sarà l'apertura, dal 13 settembre, della mostra "Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie", un eccezionale corpus di 75 opere che racconta il movimento impressionista e i suoi stretti legami con la Normandia. Un'esposizione (visitabile fino al 16 febbraio 2020 presso Palazzo Mazzetti) che conferma Asti quale capitale internazionale della cultura e dell'arte.

Grande attesa anche per l'esibizione (15 settembre 2019, h. 21 a Palazzo Ottolenghi) del tenore di origini astigiane Enrico Iviglia. Sono oltre 35 i ruoli che, fino ad ora, ha interpretato nel corso della sua carriera, calcando i principali teatri: degne di nota, Lindoro al Teatro alla Scala, Libenskof al Teatro Real di Madrid, Conte di Almaviva a Bunkakaican di Tokyo. È appassionato di cucina, ama il contatto con la natura. L'amore per la sua terra di origine lo porta a interpretare una chiusura della Douja d'Or con un momento musicale e un calice alzato al Monferrato.

Il 15 settembre il tenore Iviglia uscirà in libreria con un libro che racconta la sua straordinaria storia: "Ad alta voce-Storia di un ragazzo diventato tenore" racconta i suoi "primi" quarant'anni di bambino bullizzato, di ragazzo ribelle diventato poi affermato tenore, arrivando a esibirsi nei teatri di tutto il mondo.

Il 46° Festival delle Sagre Astigiane

Nell'ambito della "Douja d'Or 2019" il 7 e l'8 settembre in piazza Campo del Palio si terrà il 46° Festival delle Sagre astigiane. Un momento di festa e condivisione per assaporare tutte le specialità della cucina astigiana abbinata a un vino d'eccellenza. Oggi il Festival delle Sagre è diventato un appuntamento imperdibile non solo per gli amanti del vino ma anche per i semplici curiosi. Sono centinaia di migliaia le persone che ogni anno, attratte da una manifestazione unica nel suo genere, accorrono ad Asti per respirare le atmosfere di un mondo antico: quello contadino tra Otto e Novecento.

La piazza ospiterà 41 casette di legno, una per ciascuna pro loco, in cui verranno serviti i gustosissimi piatti della cucina tradizionale piemontese abbinati, per il primo anno, a vini Doc e Docg del territorio astigiano. Le pro loco che animano il Festival partecipano anche a una vera e propria competizione in cinque prove: la sfilata, l'allestimento dello stand, la cucina, l'accuratezza del servizio e il rapporto fra il prezzo, la quantità e la qualità del piatto offerto.

Il 46° Festival delle Sagre astigiane verrà inaugurato in piazza Campo del Palio sabato 7 settembre alle 18, davanti alla casetta della Camera di commercio di Asti, con la "Fanfara dei Bersaglieri di Asti Roberto Lavezzeri" e con la successiva apertura al pubblico degli stand dalle 18.30 alle 23.30 (dolci serviti fino alle 24).

Domenica 8 settembre, a partire dalle 9.15 da via Cavour (zona Stazione), si terrà la consueta sfilata storica nelle vie cittadine, animata da 3mila figuranti in costumi d'epoca, a piedi o sui carri trainati dai buoi e dai trattori "a testa calda". Ogni paese, con la sua pro loco, metterà in scena il lavoro nei campi, i mestieri, le feste contadine e i riti religiosi, dalla vendemmia al battesimo, dalla battitura del grano alla festa di leva. La sfilata terminerà verso le 12.30 in piazza Campo del Palio, dove (a partire dalle 11.30 e fino alle 22) le casette di legno disegneranno i confini del più grande ristorante d'Italia a cielo aperto che ospiterà buongustai provenienti dall'Italia e dall'estero.

Per questioni di sicurezza, sarà vietato introdurre nel Villaggio vetro, lattine e oggetti ingombranti. Sono state realizzate all'interno del Villaggio corsie preferenziali per i mezzi di soccorso che saranno presidiate.

Ph. Diuja d'Or 2019

 

 

Messaggio Promozionale