19
Sab, Ott
179 New Articles
 
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Salva

Specchio Oscuro, festival di criminologia

Manifestazioni
Typography

A Torino, la IV edizione dal 10 al 13 ottobre 2019. Il festival ospita docenti, scrittori, giornalisti, esperti delle forze dell’ordine, criminologi, registi, personaggi dello spettacolo, avvocati, psicologi, filosofi e registi.

Dopo il successo delle passate edizioni, a Torino e a Genova, che hanno ospitato docenti, scrittori, giornalisti, esperti delle forze dell’ordine, criminologi, registi, personaggi dello spettacolo, avvocati, psicologi, filosofi, registi, con una grande partecipazione di pubblico, ritorna il festival in città dal 10 al 13 ottobre, con un programma fitto di appuntamenti.


Paolo Trincia

Pensato su più livelli di approfondimento, si rivolge sia a un pubblico di esperti che si affacciano ai nuovi scenari della ricerca sul crimine, ma anche ad appassionati e curiosi che vogliono toccare da vicino la sfera dei fenomeni criminali.

L’esplorazione delle parti oscure dell’essere, nell’individuo, nella società e nella storia, sarà il tema dell’edizione 2019 del Festival, che vedrà anche quest’anno il contributo di relatori di rilievo nazionale e internazionale, appartenenti ad ambiti disciplinari diversi.

Carl Gustav Jung, ha definito l’ombra dicendo che essa contiene tutte quelle parti del nostro essere che abbiamo cercato di nascondere o negare. Comprende quegli aspetti oscuri (appunto non messi in luce, quindi sia negativi che positivi) che non riteniamo accettabili. L’Ombra appare tanto più densa e minacciosa quanto meno è cosciente. E’ questo il paradosso dell’Ombra: quanto più neghiamo e rimuoviamo, tanto più queste parti scisse riemergono in maniera incontrollata e autonoma, a volte violenta. Il Doppio, il rivale-compagno, è un altro motivo universalmente presente, strettamente connesso alla problematica dell’Ombra. Il Doppio si configura come immagine simmetrica, speculare dell’Io. E’ esattamente all’opposto di ciò che siamo e di ciò che saremo e se l’Ombra si cronicizza, il Doppio diviene il nostro alter-ego. Nella mitologia e nella narrativa, sia letteraria sia cinematografica, il doppio complementare è un motivo ricorrente, perché inscindibilmente legato alla natura umana.


Francesco Messina

Programma

GIOVEDI 10 OTTOBRE (Cortile del Rettorato dell’Università di Torino)
Ore 19.00: Saluti d’apertura e inaugurazione mostra «Frammenti di storia. L’Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della Polizia Scientifica», in collaborazione con la Polizia di Stato.
con Francesco Messina (direttore Centrale Anticrimine), Luigi Rinella (Direttore del Servizio Polizia scientifica, Paolo Ceroni (Azimut Capital Management), Angelo Zappalà (direttore Festival Criminologia) 
A seguire visita guidata alla mostra
(Circolo della Stampa, Palazzo Ceriana Mayneri)
Ore 21.00 – 22.30: Oscuri moventi. Il delitto dei Murazzi, con Meo Ponte (giornalista) e Roberto Testi (medico legale).
VENERDI 11 OTTOBRE
(Aula Magna dell’Università di Torino, Cavallerizza Reale)
Ore 18.30 – 20.00: Fare luce nell’oscurità: indizi criminali e indizi scientifici, con Giulio Giorello (filosofo e accademico) e Giampietro Lago (comandante del RIS di Parma, Arma dei Carabinieri)
CONFERENZA SPETTACOLO
Ore 21.00 – 22.30: Il lato oscuro della musica, con Morgan (cantante) e Gianluca Versace (giornalista).
SABATO 12 OTTOBRE
(Aula Magna dell’Università di Torino, Cavallerizza Reale)
Ore 10.00 – 10.15: Saluti d’apertura, con Felice Damiano Torricelli (presidente ENPAP)
Ore 10.15 – 11.00: Il lato oscuro della professione medica. I medici aguzzini, con Isabella Merzagora (presidente Società Italiana di Criminologia)
Ore 11.15 – 12.00: Lo specchio scuro della memoria: crimine e amnesia nei crimini violenti, con Stefano Zago (neuropsicologo forense)
Ore 12.15 – 13.00: La triade oscura della personalità: narcisimo, macchiavellismo e psicopatia con Andrea Fossati (psicologo, Università San Raffaele Milano)
(Pausa)
Ore 14.30 – 15.15: I geni del male: cattivi si nasce, si diventa o… con Valter Tucci (Senior Group Leader of the Neurobehavioural Genetics group at the Italian Institute of Technology, Genova).
Ore 15.30 -16.15: Lo specchio oscuro della rete: dal cyberbullismo agli adescamenti di minori, con Cristina Sartori (consulente investigativo e grafologo forense), Antonio Mauro innovatore ed esperto Cybersecurity), Silvia Bassi (psicologa e criminologa)
 
Ore 16.30 – 17.15: Siamo mai soli? Telefoni e la nostra ossessione contemporanea, 
con Ilaria Bonacossa (Direttrice Artissima), Katia Trevisan (Dogma), Maurizio Bortolotto (Gebbia Bortolotto Penalisti Associati)
 
Ore 17.30-18.15: Lo specchio oscuro della sessualità: Sex Robots, con Maurizio Balistreri (filosofo, Università degli Studi di Torino) e Angelo Zappalà (direttore Festival Criminologia)
Ore 18.30 – 20.00: VELENO, con Pablo Trincia (scrittore e giornalista, autore del celebre podcast de La Repubblica) .
 (Terrazza Solferino)
Ore 21.00 – 22.30:  Inghiottiti nell’oscurità. Le persone scomparse in Italia, con Pietro Orlandi, Maria Antonietta Gregori e Gianluca Versace (giornalista) – in collaborazione con CRIME+INVESTIGATION, CANALE 119 DI SKY.
DOMENICA 13 OTTOBRE
(POLO DEL ‘900, Torino)
18.30 – 20.00: I poteri oscuri nell’Italia degli anni ‘70,
con Giovanni de Luna (storico).

Ph. Città di Torino









 

------------------------------------

 

* Mostra «Frammenti di storia. L’Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della polizia scientifica» // in collaborazione con la Polizia di Stato 

// Cortile Rettorato Università di Torino // dal 10 al 13 ottobre

 

Per la prima volta a Torino, la Polizia di Stato, in collaborazione con il Festival della Criminologia presenta la Mostra «Frammenti di storia. L’Italia attraverso le impronte, le immagini e i sopralluoghi della polizia scientifica», in collaborazione con la Polizia di Stato.  L’inaugurazione il 10 ottobre 2019 alle ore 18, nel cortile del Rettorato dell’Università di Torino, con la partecipazione del direttore centrale Anticrimine della Polizia di Stato Francesco Messina. 

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 13 ottobre, dale ore 9 alle 19.

A partire dai primi del Novecento, una delle principali attività d’intervento è stata quella di cristallizzare la scena del crimine. Nella mostra, quasi allo stesso modo, si è scelto di puntare su documenti e fotografie per fermare il tempo su alcuni dei momenti più drammatici dell’Italia degli ultimi decenni. 

L’arresto di Sandro Pertini, l’omicidio Matteotti, il mostro di Firenze, le stragi di mafia e quelle dell’eversione nera, rappresentano solo alcuni dei frammenti di storia scelti: un’occasione irripetibile per guardarsi allo specchio e confrontarsi con il passato, ma anche con il futuro che ci aspetta. 



Messaggio Promozionale