24
Mer, Apr
90 New Articles
 
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Salva

20 anni fa l'incendio al Monte San Giorgio a Piossasco dove morì David Bertrand

Ambiente & Animali
Typography
A Piossasco si ricorda David Bertrand (6 febbraio 1999) e si riflette sulla prevenzione dagli incendi. Appuntamento il 9-10 febbraio.

Il 6 febbraio 1999 durante le operazioni per lo spegnimento di un incendio sul Monte San Giorgio di Piossasco, il giovane volontario David Bertrand, appartenente alla squadra AIB del Comune di Roletto, fu avvolto dalle fiamme e dal fumo soffocante e perse la vita.

 
Un suo compagno, Daniele Bonato, nel vano tentativo di portargli soccorso, rimase ustionato in più parti del corpo e rimase per lungo tempo ricoverato al Centro Grandi Ustionati del C.T.O. di Torino. Il 16 aprile 1999 il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro conferì a David Bertrand la medaglia d’oro al valor civile alla memoria. A David è stato intitolato un sentiero la cui progettazione e realizzazione è stata promossa dall’allora Provincia di Torino e dai Comuni di Piossasco, Roletto, Cantalupa, Pinerolo, Frossasco, Trana e Cumiana. Il sentiero parte da Roletto, il paese di origine di David, attraversa il Parco del Monte Tre Denti-Freidour e, con un percorso di cresta, arriva sino alla località Casa Martignona nel Parco Monte San Giorgio, dove David perse la vita. Il percorso ha una lunghezza complessiva di 35 Km e un dislivello positivo di 1.500 metri, caratteristiche che lo rendono idoneo ad ospitare gare di trail di buon livello.

Il ventennale dell’incendio del Monte San Giorgio sarà commemorato con una serie di manifestazioni in programma sabato 9 e domenica 10 febbraio al centro culturale “Il Mulino” di via Riva Po 9 per iniziativa della Direzione Sistemi naturali della Città Metropolitana (Ente gestore del Parco naturale del Monte San Giorgio), dell’amministrazione comunale piossaschese e della squadra AIB di Piossasco, in collaborazione con le associazioni del Tavolo del Parco: Amici del Monte San Giorgio, Corona Verde di San Vito, Studio ArteNa, cooperativa La Bottega. Oltre alla cerimonia ufficiale sono in programma un convegno, una mostra fotografica e una serie di attività per i bambini.

Sabato 9 febbraio dalle 9,30 alle 12,30 al teatro Il Mulino è in programma il convegno «Fuoco, uomini e bosco: a vent’anni dal grande incendio», che si aprirà con i saluti istituzionali delle autorità e proseguirà con le relazioni scientifiche. Della «Lezione dell’incendio sul Monte San Giorgio» parlerà il professor Giovanni Bovio già docente al Dipartimento DISAFA dell’Università di Torino. «L’evoluzione del bosco», è il titolo della relazione del dottor Pier Giorgio Terzuolo, responsabile dell’Area tecnica e Biodiversità dell’IPLA. l’istituto per le piante da legno e l’ambiente. Dei “Dieci anni di sviluppo del Parco” parleranno il dirigente della Città Metropolitana Gabriele Bovo e il funzionario Guido Bogo. Del tema «L’evoluzione del sistema AIB dal ’99 a oggi» parlerà Sergio Pirone, ispettore generale dei volontari AIB del Piemonte. “Boschi e centri abitati: prevenzione e protezione” è il titolo della relazione annunciata dall’assessorato all’ambiente, ai parchi, alla montagna e alle foreste della Regione Piemonte, mentre Alberto Dotta, direttore del Consorzio Forestale Alta Val di Susa, tratterà il tema «Quale gestione delle aree boschive?».

ARTE E FOTOGRAFIA RACCONTANO L’INCUBO DEGLI INCENDI -  Sabato 9 e domenica 10 febbraio dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 17,30 al teatro “Il Mulino” si potrà visitare la mostra fotografica “Il Monte San Giorgio ieri e oggi”, curata dal gruppo AIB di Piossasco e dal gruppo fotografico della Pro Loco. Sempre nel teatro sarà presente la mostra d’arte “Brucio anch’io”, che a fine ottobre era stata allestita nella sede della Città Metropolitana in corso Inghilterra 7 a Torino, ad un anno esatto dai devastanti incendi dell’autunno 2017 nel Pinerolese, in Valle di Susa e nel Canavese. L'ideazione e la realizzazione del progetto della mostra sono opera della naturalista Federica Caprioglio e del biologo Marco Demaria, entrambi disegnatori, che hanno coinvolto gli allievi del corso di disegno dell'illustratrice naturalista Cristina Girard, chiedendo loro di fermare in immagini plastiche e pittoriche gli istanti drammatici dell'emergenza incendi. Oltre ai dipinti e alle sculture, fotografie, filmati e pannelli illustrativi spiegano al pubblico quale patrimonio è andato perduto nei giorni drammatici degli incendi del 2017, che incenerirono boschi e animali e misero a repentaglio la vita degli abitanti di alcune borgate e località montane.

I “BIMBI PROTETTORI DEL BOSCO” E LE COMMEMORAZIONI UFFICIALI - Il ventennale dell’incendio del Monte San Giorgio sarà certamente un’occasione di confronto tra esperti e amministratori, ma anche un evento ludico e didattico per i bambini, che, dalle 15 alle 17,30 al teatro “Il Mulino”, potranno partecipare all’evento “Bimbi protettori del bosco”, articolato nella sezioni “Raccontiamo l’incendio del Monte San Giorgio attraverso le immagini” e “David: la sua storia, le sue passioni, il suo impegno”, a cui farà seguito una dimostrazione dello spegnimento di un incendio da parte del gruppo AIB di Piossasco. La giornata di sabato 9 febbraio si concluderà con una Messa commemorativa nella chiesa dei Santi Apostoli. Domenica 10 febbraio un’altra Messa sarà celebrata alle 11 nella chiesa della Natività di Maria vergine a Roletto, mentre alle 12,30 è in programma la commemorazione di David Bertrand al cippo di via del Campetto a lui dedicato.

Per maggiori dettagli sul programma delle manifestazioni si può visitare il portale Internet dell’amministrazione comunale www.comune.piossasco.to.it o scrivere all’indirizzo comune.piossasco@legalmail.it

Ph. di repertorio Città Metropolitana Torino