04
Gio, Giu
192 New Articles
Messaggio Promozionale
 

Fase2 Valle d'Aosta: news 22 maggio 2020

Valle d'Aosta
Typography

La situazione dell'Emergenza Coronavirus in Valle d'Aosta Fase2 a venerdì 22 maggio 2020. Fase2 Covid-19 VDA: sono sempe 143 (0) i decessi in totale in Valle d'Aosta. 1177 (+1) i casi positivi. 944 (+10) i guariti. Riapertura delle biblioteche del Sistema bibliotecario valdostano. Tra storia e natura, il Castello di Saint-Pierre si prepara ad ospitare nuovamente il Museo di scienze naturali. Le decisioni della giunta regionale.

VALLE D'AOSTA

Dati forniti dall’Azienda USL della Valle d’Aosta 22/5
TOTALI CASI TESTATI 10607
CASI POSITIVI TOTALI 1177
CASI POSITIVI ATTUALI 90
IN OSPEDALE 22
IN TERAPIA INTENSIVA 2
IN ISOLAMENTO DOMICILIARE 66
CASI NEGATIVI TOTALI 9212
GUARITI 944
ETA' 1 mese/103
ETA' MEDIA 55
GUARITI CLINICAMENTE 47
DECESSI 143
MASCHI 72
FEMMINE 71
FASCE D'ETA' 45/100
ETA MEDIA 83
IN OSPEDALE 89
SUL TERRITORIO 54
TAMPONI TEST EFFETTUATI 13531
CON ESITO NEGATIVO 11365
CON ESITO POSITIVO 1869
ANALISI IN CORSO 301
 FORZE DELL'ORDINE  
CONTROLLI 678
SANZIONI 1

Fase2 Covid-19 VDA: sono sempe 143 (0) i decessi in totale in Valle d'Aosta. 1177 (+1) i casi positivi. 944 (+10) i guariti

Un nuovo caso positivo e nessun morto per il coronavirus nelle ultime 24 ore in Valle d'Aosta. I dati sono riportati dal bollettino dell'Unità di crisi. Le persone decedute sono sempre 143 (72 uomini e 71 donne, tra i 45 e i 100 anni, età media 83 anni). I contagiati sono 1.177 (+1) dall'inizio dell'epidemia e 90 quelli attuali (ieri erano 99). I guariti salgono a 944 (10 in più di ieri). I pazienti ricoverati in ospedale sono 24 (due in Rianimazione) e gli altri 66 contagiati sono invece in isolamento domiciliare.


Riapertura delle biblioteche del Sistema bibliotecario valdostano

Da oggi, venerdì 22 maggio 2020, dopo uno stop forzato di un paio di mesi, le Biblioteche del Sistema bibliotecario valdostano potranno riprendere il contatto con gli utenti: non si tratta ancora di una completa riapertura, che avverrà al momento in cui si potranno nuovamente accogliere nei locali le decine di migliaia di amici che in questi anni le hanno aiutate a crescere.

Nei giorni di chiusura, le Biblioteche hanno continuato a mettere insieme libri per la formazione culturale e per il ristoro dello spirito della popolazione valdostana che ad esse ricorrono. In poche parole, hanno curato il granaio, ammassando “riserve contro l'inverno dello spirito”, secondo la felice espressione che Marguerite Yourcenar fa pronunciare all'imperatore Adriano relativamente all'utilità delle biblioteche.

Dal 22 maggio le biblioteche potranno, quindi, ricominciare a offrire servizi, seppure in forma ridotta, coniugando la sicurezza dell’utenza con quella del personale.

Il primo servizio nuovamente accessibile sarà quello del prestito di documenti che, per garantire la sicurezza degli utenti, avranno osservato un periodo di quarantena prima di essere resi disponibili.

Assieme alle Biblioteche, apre le porte ai ricercatori anche l'Archivio storico regionale. Per accedervi, occorre prenotare la postazione al n° 0165.275773 o via email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. All'Archivio sarà anche possibile consultare, in casi di reale urgenza, libri non prestabili conservati presso la Biblioteca regionale di Aosta.

Ecco, nel dettaglio, le fasi di apertura delle Biblioteche regionali:

Fase A - con decorrenza immediata fino al 20 giugno

È possibile ottenere in prestito soltanto documenti prenotati online o via telefono. Non è ancora possibile utilizzare gli spazi interni alla struttura bibliotecaria.

Prosegue l’offerta di servizi digitali, rafforzati durante il lockdown, tra cui:

  • Prestiti digitali su piattaforma MediaLibraryOnLine (MLOL), quali:
    • E-book, circa 34.000 titoli
    • Edicola, circa 7.000 periodici in diverse lingue
  • Cordela, la biblioteca digitale valdostana (periodici, libri, manoscritti, cartografia storica, stampe e disegni, manifesti), circa 1 milione di pagine
  • servizio di reference, cui rivolgersi per chiedere informazioni sui documenti delle biblioteche, per bibliografie, … chiedilo@lbibliotecario, accessibile dal sito web del Sistema bibliotecario
  • collaborazione con Fondazione Courmayeur online per la messa in streaming di interventi qualificati
  • Concorso BiblioPrésVerts, contest di letteratura, fotografia e disegno, ispirato alla risoluzione 73/252 delle Nazioni Unite, che ha dichiarato il 2020 Anno internazionale della salute delle piante
  • Notizie e informazioni sulla pagine Facebook della Biblioteca regionale di Aosta.

La Biblioteca regionale Bruno Salvadori di Aosta si presenta, inoltre, con l’iniziativa Biblioteca da asporto – Biblio à emporter che permette di prenotare i documenti desiderati, ottenerne il prestito e ritirarli secondo le modalità indicate.

Attivazione del Prestito

Per attivare il prestito sarà necessario effettuare una prenotazione online, sul sito del Sistema bibliotecario o via telefono ai nn. 0165.274802/274805 per gli adulti e al n. 0165.274822 per i ragazzi. Il prestito adulti è previsto per i soli libri (non CD e DVD). Sono invece prestabili libri, CD e DVD per ragazzi.

Ritiro dei documenti prenotati

Il ritiro di tutti i documenti prenotati avverrà all’ingresso della Sezione ragazzi entro 5 giorni dalla comunicazione della loro disponibilità.

Restituzione

I documenti si restituiscono nello spazio situato all’ingresso principale della Biblioteca, dove già si sono restituiti finora.

Iscrizioni

È possibile iscriversi al Sistema bibliotecario valdostano, compilando il form chiedilo@lbibliotecario presente sulla home page del SBV.

Fase B - dal 22 giugno al 25 luglio

Previa prenotazione, gli utenti potranno accedere in modo contingentato agli scaffali della Biblioteca, scegliere i documenti ed effettuare il prestito. Il tempo sarà limitato e predefinito. Non sarà ancora possibile utilizzare le sedute, né le postazioni internet.

Resteranno attivi i servizi digitali della fase A.

Fase C - dal 27 luglio fino alla fine dell’emergenza Coronavirus

Previa prenotazione, sarà possibile, in modo contingentato, assicurando lo spazio prescritto tra le postazioni, accedere alle sedute per studio, per un tempo limitato e predefinito

Resteranno attivi i servizi digitali della fase A.

La Giunta regionale, nella seduta di oggi, 22 maggio, ha approvato il protocollo allegato che regola l’accesso e la gestione del servizio.

Protocollo allegato

Per informazioni: Biblioteca regionale Bruno Salvadori, via Torre del Lebbroso 2, Aosta.

Tel. 0165-274802 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Sito web: https://biblio.regione.vda.it


Tra storia e natura, il Castello di Saint-Pierre si prepara ad ospitare nuovamente il Museo di scienze naturali

E’ la riscoperta e la rivalorizzazione di un immenso patrimonio quello che stiamo portando avanti al Castello di Saint-Pierre. Così l’Assessore regionale all’Ambiente Risorse naturali e Corpo forestale Albert Chatrian commenta l’intervento di restauro conservativo e allestimento museale ripreso nei giorni scorsi al Museo regionale di Scienze naturali Efisio Noussan.

Da un lato – spiega l’Assessore Chatrian -  i lavori proseguono l’attività di valorizzazione e di conservazione dello straordinario edificio il cui profilo scenografico lo rende uno dei beni più preziosi del patrimonio monumentale valdostano. Dall’altro continua l’opera dell’Assessorato per un allestimento volto a potenziare il patrimonio scientifico che il castello conserva. Un patrimonio nel patrimonio quello che il prossimo anno potrà essere fruibile dal pubblico, dagli appassionati di scienze naturali e dai ricercatori.

I lavori, affidati lo scorso anno al raggruppamento composto dalle imprese Rinetti, Fallani, Acuson, Caruso e Peaquin, procedono celermente e l’auspicio è quello di recuperare anche i ritardi dovuti all’emergenza COVID-19. E’ un intervento complesso quello in atto al Castello di Saint-Pierre, che fa seguito al primo lotto di lavori, con cui erano stati eseguiti gli interventi strutturali sull’edificio storico e predisposti gli impianti. Con questo secondo lotto, si sta intervenendo sul restauro delle facciate esterne e di alcune sale interne, sugli impianti e sull’allestimento.

Trattandosi di un bene monumentale – aggiunge l’Assessore Chatrian -, il nuovo percorso espositivo seguirà un doppio registro, da una lato il castello, con la sua storia, dall’altro il museo di scienze naturali.

In particolare la sala del trono, da cui prenderà l’avvio il percorso di visita, sarà dedicata al castello e alle sue vicende storiche, anche alla luce dei recenti scavi e ricerche, mentre le sale successive racconteranno la storia “naturale” della Valle d’Aosta, tra multimedialità e nuovo tecnologie. 

I lavori finora realizzati hanno già permesso il restauro di gran parte della sala del trono  e di alcune sale, la predisposizione degli impianti tecnologici e di parte degli elementi di arredo. E’ inoltre in fase di ultimazione il bando per la fornitura dei supporti multimediali.

La conclusione degli interventi è prevista entro il prossimo anno.

L’importo dei lavori di restauro e di musealizzazione è di 4milioni 387mila euro (Iva compresa). Il finanziamento in parte trova i suoi fondi (1milioni 299mila euro) nel progetto Alpes’Interpretation del Programma di cooperazione Interreg Italia-Francia Alcotra 2014-2020 e, per il restante, nel Piano di stralcio Cultura e Turismo del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.


Le decisioni della giunta regionale

PRESIDENZA DELLA REGIONE

La Giunta regionale, preso atto dell’intesa raggiunta il 19 maggio scorso con il Consorzio Permanente degli Enti Locali, ha approvato le modalità di ripartizione del trasferimento straordinario ai Comuni della Valle d’Aosta di 350 mila euro destinati alla solidarietà per l’acquisto di prodotti alimentari, di beni di prima necessità e per l'accesso alla rete Internet a favore di soggetti che si trovano in situazione di grave disagio economico e sociale, come previsto dalla legge regionale 5/2020. In particolare, il riparto tra gli enti è effettuato in proporzione all’importo assegnato dall’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile n. 658 in data 29 marzo 2020 (tabella riparto); inoltre, ciascun ente delibera preventivamente le modalità di gestione dell’importo trasferito, la destinazione dello stesso nell’ambito delle tipologie previste dalla legge regionale 5/2020 e l’individuazione della platea dei beneficiari.

L’Esecutivo, ai sensi della legge regionale 11/1997, ha nominato quali rappresentanti della Regione Albert Joseph BETEMPS, Andrea BRYER e Alessandro TRENTO Consiglieri del Consiglio di Amministrazione, Alessandra LUCCHESE Sindaco effettivo e Giacomo BIANCARDI Sindaco supplente del Collegio sindacale nella Società Autostrade Valdostane S.p.A., per un esercizio sociale.

FINANZE, ATTIVITÀ PRODUTTIVE E ARTIGIANATO

La Giunta regionale ha approvato delle modifiche alle disposizioni applicative della legge regionale 5 settembre 1991, n. 44, concernenti la concessione di contributi per la realizzazione di iniziative e manifestazioni fieristiche volte alla valorizzazione dell’artigianato di tradizione.

In particolare, all’art. 3 - Presentazione domanda - è aggiunto il comma 3.3: Limitatamente alle domande presentate nel corso dell’anno 2020, le stesse potranno essere presentate entro la data del 31 luglio. Allo scopo di adottare misure idonee a consentire il superamento dell’emergenza epidemiologica, le cooperative possono richiedere l’erogazione di un anticipo pari al 50% delle spese riconosciute alle stesse nel corso dell’anno precedente. Inoltre, all’art. 5 - Concessione dei contributi - è aggiunto il comma 5.4: Limitatamente alle domande di cui al punto 3.3 la struttura regionale competente può erogare l’anticipo richiesto. Qualora, in esito all’attività istruttoria della domanda finale di contributo, risulti che la somma spettante è inferiore all’anticipo erogato, la cooperativa sarà tenuta a restituire la differenza, pena l’impossibilità di presentare domanda di contributo per le due successive annualità.

Il Governo della Regione ha approvato, in linea strategica, la permuta di una porzione di proprio fabbricato con una porzione di fabbricato di proprietà dell’Urbanitas s.r.l., entrambi ubicati in adiacenza dell’ingresso principale all’area archeologica del Teatro romano, nel Comune di Aosta, stabilendo di procedere successivamente alla formulazione di un accordo esecutivo fra le parti. Tale permuta consentirà una migliore realizzazione del progetto Valorizzazione del comparto cittadino denominato AOSTA EST, in quanto la porzione di fabbricato oggetto della permuta risulta indispensabile per la realizzazione della biglietteria dell’area archeologica in adiacenza all’attuale ingresso principale dell’area stessa, dei bagni, compresi quelli per i disabili, e dei servizi aggiuntivi all’area archeologica, indispensabili per la sistematizzazione e la gestione dei flussi turistico/culturali previsti.

AFFARI EUROPEI, POLITICHE DEL LAVORO, INCLUSIONE SOCIALE E TRASPORTI

La Giunta regionale, preso atto dell’approvazione di quattro Progetti singoli riguardanti tre Piani integrati, interessanti il territorio valdostano, selezionati dal Comitato di sorveglianza del Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia ‘Alcotra’ 2014/20 (FESR), ha confermato i Coordinatori regionali responsabili del controllo di primo livello dei Progetti approvati. Il contributo FESR sarà erogato direttamente dalla Regione Auvergne Rhône- Alpes, in qualità di Autorità di certificazione del Programma, ai capifila di Progetto e, per il tramite di questi ultimi, ai partner di Progetto, mentre per le quote di contributo statale i partner italiani pubblici dovranno trasmettere all'Agenzia per la coesione territoriale, Area programmi e procedure, la richiesta di erogazione del cofinanziamento nazionale.

In particolare, i quattro progetti approvati sono:

  • Pitem Clip – Circuito (responsabile: Dipartimento industria, artigianato ed energia) – Valore: 370 mila euro;
  • Pitem Mi.To – Esperienze Experience Outdoor (responsabile: Dipartimento turismo, sport e commercio) – Valore: 100 mila euro;
  • Pitem ProSol – Giovani (responsabile: Dipartimento Sovraintendenza agli Studi) – Valore 260 mila euro;
  • Pitem Clip – Clip e Trasporti (responsabile: Dipartimento industria, artigianato ed energia, Struttura delegata: Struttura risparmio energetico, sviluppo fonti rinnovabili e mobilità sostenibile) – Valore 595 mila euro.

L’Esecutivo ha autorizzato la Pila S.p.A., concessionaria dell'esercizio della telecabina Aosta – Pila, all’esecuzione degli interventi di manutenzione straordinaria previsti per l’anno 2020, urgenti e indifferibili per obbligo normativo, per un importo di spesa presunto di 490 mila 494,78 euro. Gli interventi riguardano, in particolare:

  • sostituzione fune 1° tronco euro 450.094,60
  • sostituzione staffe sospensione cabine euro 12.512,81
  • accorciamento fune 2° tronco euro 27.887,37

AMBIENTE, RISORSE NATURALI E CORPO FORESTALE

La Giunta regionale, ai sensi della legge regionale 5 agosto 1994, n. 40, ha concesso un contributo alla Fondazione Saussurea – O.N.L.U.S. di Courmayeur, per l’anno 2020, a sostegno delle attività per la gestione del giardino botanico alpino Saussurea, per un importo pari a 8 mila euro.

ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ, RICERCA E POLITICHE GIOVANILI

La Giunta regionale, ai sensi della nota del Ministero dell’Istruzione del 22 aprile 2020, ha approvato l’elenco degli interventi della Regione da ammettere a finanziamento, nell’ambito del secondo piano di interventi di edilizia scolastica, relativo all’annualità 2019, finanziato con le risorse assegnate dal Ministero dell'Istruzione, che  ammontano a 1 milione 715 mila 804,16 euro. Gli interventi riguardano la ristrutturazione della Scuola primaria del Comune di Gignod, per cui viene richiesto un finanziamento statale di 1 milione 95 mila 734 euro, e il secondo ampliamento del Liceo delle scienze umane e scientifico Regina Maria Adelaide, sede di Via Chavanne in Comune di Aosta, per cui viene richiesto un finanziamento statale di 620 mila 70,16 euro.

OPERE PUBBLICHE, TERRITORIO E EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

La Giunta regionale ha approvato alcune modifiche al testo dell’Accordo di programma tra la Regione autonoma Valle d’Aosta, il Comune di Brusson e l’Azienda Usl della Valle d’Aosta, per la riqualificazione urbanistica del centro storico comunale di Brusson attraverso la costruzione prioritaria delle autorimesse e successivamente dei locali interrati e della nuova sede del consultorio e dei servizi di volontariato. Le modifiche consentiranno di procedere all’erogazione di un acconto delle somme necessarie al pagamento degli Stati Avanzamento Lavori. Il nuovo accordo sarà ora sottoposto alla sottoscrizione delle parti.

SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI

La Giunta regionale, a seguito di nuova programmazione richiesta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, ha approvato l’utilizzo delle risorse del fondo nazionale per le non autosufficienze - quota annualità 2018 - per interventi a favore di persone con disabilità gravissime, per una spesa complessiva pari a 1 milione 99 mila 671,70 euro.

TURISMO, SPORT, COMMERCIO, AGRICOLTURA E BENI CULTURALI

La Giunta regionale ha concesso a un’impresa commerciale di Courmayeur un mutuo, con tasso agevolato nel rispetto delle disposizioni di cui al Reg. (UE) n. 1407/2013 (de minimis), per un ammontare complessivo di 80 mila 990,27 euro, per l’acquisto di arredi e attrezzature presso un esercizio di somministrazione di alimenti e bevande sito nel Comune di Pré-Saint-Didier.

L’Esecutivo ha concesso un contributo di 527 mila 61,31 euro all’Association Régionale Eleveurs Valdôtains (AREV), per la realizzazione del programma 2020 per la tenuta dei libri genealogici degli animali e per i controlli funzionali.

La Giunta regionale ha approvato uno schema di convenzione con il Comune di Perloz, quale soggetto attuatore di alcune azioni del progetto Scoprire per Promuovere finanziato dal Programma di Cooperazione transfrontaliera Interreg V-A Italia-Francia ALCOTRA 2014/2020 (FESR), per un importo di 30 mila euro. Le azioni del progetto prevedono, in particolare, il rinnovo delle metodologie di comunicazione del Museo della Resistenza, tramite le nuove tecnologie multimediali oggi disponibili.


 * Fonte Regione Autonoma Valle d'Aosta

 

Messaggio Promozionale