Messaggio Promozionale
 

"L'anima buona del Sezuan" al teatro Astra

Una fiaba di ambientazione cinese scritta fra il 1938 e il 1940 dal drammaturgo tedesco. Una parabola antica e attuale, favola divertente e amara, irta di domande intorno al bene e al male, in cui Brecht, ormai una rarità vederlo rappresentato in Italia, trasforma in epica e poesia i grandi movimenti della storia, della politica, dell’etica. Appuntamento al teatro Astra dal 18 al 23 febbraio 2020.

TEATRO ASTRA
18 - 13 FEBBRAIO 2020
L'anima buona del Sezuan
DI BERTOLT BRECHT
TRADUZIONE DI ROBERTO MENIN
PROGETTO ED ELABORAZIONE DRAMMATURGICA ELENA BUCCI, MARCO SGROSSO
REGIA DI ELENA BUCCI
CON LA COLLABORAZIONE DI MARCO SGROSSO
CON ELENA BUCCI, MARCO SGROSSO, MAURIZIO CARDILLO, ANDREA DE LUCA, NICOLETTA FABBRI, FEDERICO MANFREDI, FRANCESCA PICA, VALERIO PIETROVITA, MARTA PIZZIGALLO
DISEGNO LUCI LOREDANA ODDONE
CURA E DRAMMATURGIA DEL SUONO RAFFAELE BASSETTI
MUSICHE ORIGINALI ESEGUITE DAL VIVO CHRISTIAN RAVAGLIOLI
MACCHINISMO E DIREZIONE DI SCENA VIVIANA RELLA
SUPERVISIONE AI COSTUMI DI URSULA PATZAK
IN COLLABORAZIONE CON ELENA BUCCI
SCENE E MASCHERE STEFANO PEROCCO DI MEDUNA
ASSISTENTI ALLA REGIA BEATRICE MONCADA, BARBARA ROGANTI
SARTA MANUELA MONTI
Durata
150 minuti con intervallo.

Una fiaba di ambientazione cinese scritta fra il 1938 e il 1940 dal drammaturgo tedesco. Una parabola antica e attuale, favola divertente e amara, irta di domande intorno al bene e al male, in cui Brecht, ormai una rarità vederlo rappresentato in Italia, trasforma in epica e poesia i grandi movimenti della storia, della politica, dell’etica.
Dominano in apertura e in chiusura le figure di tre Dei, in giro per il mondo a cercare un’anima buona, che dopo il disordine causato dal loro intervento, compiono una rapida ritirata verso l’alto. In mezzo, i destini incrociati della generosa prostituta Shen-Tè, prescelta dagli Dei come esempio di bontà, e del cinico cugino Shui-Tà, suo spietato alter ego. In un linguaggio sospeso tra canto, maschere, recitazione e movimento si intrecciano le composizioni musicali originali eseguite dal vivo. Bucci e Sgrosso sono eredi diretti della poetica e del teatro di Leo De Berardinis e stanno trovando conferme sempre più ampie al loro lavoro, Elena Bucci ha vinto recentemente tutti i possibili e più prestigiosi premi teatrali: Ubu, Duse e Hystrio/Anct.

Acquista Biglietti