La XI edizione del premio "Nati per leggere"

Libri
Typography

Arriva la XI edizione di Nati per Leggere, nato nel 1999 per promuovere la lettura condivisa con bambini in età prescolare all’interno della famiglia, degli asili nido, delle scuole dell’infanzia e delle biblioteche.

Torna, per la sua XI edizione, il "Premio Nati per Leggere", una delle molte attività del Programma nazionale Nati per Leggere nato nel 1999 per promuovere la lettura condivisa con bambini in età prescolare all’interno della famiglia, degli asili nido, delle scuole dell’infanzia e delle biblioteche.


Nati per Leggere

E' un programma di comunità presente in tutte le Regioni italiane, che ha l’obiettivo di tutelare il diritto alle storie di bambine e bambini, promuovendo l’accesso ai libri di qualità e ai luoghi di lettura come strumento di salute e benessere e segno di democrazia ed equità. Coinvolge figure professionali sanitarie, sociali, culturali ed educative del territorio, creando un circuito virtuoso che contribuisce a ricucire il tessuto pubblico e a consolidare le comunità locali. Nati per Leggere è promosso dall’alleanza tra pediatri e bibliotecari, in particolare dall’Associazione Culturale Pediatri, l’Associazione Italiana Biblioteche e il Centro per la Salute del Bambino Onlus.
Già nel 2001 la Regione Piemonte adottò il Programma nazionale creando Nati per Leggere Piemonte, iniziativa che investe oggi l’intera Regione con oltre venti progetti locali che, nella maggior parte dei casi, coincidono con i Sistemi bibliotecari regionali, organismi solidi e strutturati che hanno facilitato la diffusione del programma (poi sviluppato in oltre quattrocento Comuni). Dal 2004 si è inserita nel progetto la Fondazione Compagnia di San Paolo di Torino, con cui si è consolidata nel tempo una partnership strategica per il rafforzamento dell’iniziativa.

Nati per Leggere Piemonte ha visto negli anni crescere sempre più i suoi numeri: i Comuni e le biblioteche partecipanti e gli abitanti delle aree coinvolte sono quasi raddoppiati dal 2006 al 2018, a testimonianza di come le varie attività hanno permeato le realtà locali. Oltre 7.000 sono state le attività di lettura organizzate in Piemonte che hanno coinvolto quasi 76.000 bambini. Di seguito un raffronto dei numeri del progetto nell’anno 2006 e 2018:

Dati 2006 2018
Comuni e biblioteche 250 445
Abitanti delle aree coinvolte 2.000.000 3.534.014
Nati/anno nelle aree coinvolte 18.000 24
Pediatri 124 283
Dipartimenti/reparto/distretti ASL/ASO 41 106
Asili Nido 120 884
Scuole dell’infanzia 160 884

Iniziare a leggere quotidianamente ai bambini fin dalla più tenera età costituisce un’imperdibile opportunità per la costruzione del loro sguardo sul mondo.
Anche sulla spinta del grande successo in Piemonte di Nati per Leggere, nel 2009 è stato creato il Premio nazionale Nati per Leggere, istituito dalla Regione Piemonte in collaborazione con la Città di Torino, la Fondazione Circolo dei Lettori, il Salone Internazionale del Libro di Torino, il Coordinamento nazionale Nati per Leggere e la rivista LiBeR. Sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, negli anni il Premio ha ricevuto il patrocinio della sezione italiana IBBY e una medaglia della Presidenza della Repubblica Italiana.
La segreteria organizzativa, è curata dalla Fondazione Circolo dei Lettori. Ad oggi la Regione Piemonte è l’unica ad aver ideato un premio legato all’attività nazionale Nati per
Leggere.


Obiettivi

Obiettivi del Premio sono valorizzare la migliore produzione editoriale per bambini in età prescolare e riconoscere la creatività e l’impegno di quanti, pediatri, bibliotecari e volontari, si adoperano nella promozione della lettura condivisa fra i più piccini, sia all’interno della famiglia sia nei consultori, nelle biblioteche, negli asili e nelle librerie. Oltre ai luoghi deputati alla lettura, con gli anni Nati per Leggere si è diffuso in nuovi spazi della comunità, come piscine o carceri.


Il premio

Il Premio si compone di diverse sezioni dedicate specificatamente a editori, biblioteche o progetti locali, e pediatri.

I Sezione: Nascere con i libri - Premia i migliori libri editi o inediti in Italia, prevede candidature da parte degli editori ed è suddivisa in tre diverse categorie, corrispondenti a tre diverse fasce di età e di sviluppo del bambino: “Il primo libro” per libri cartonati che risultino adatti alle capacità manipolative, percettive e cognitive di bambini tra i 6 e i 18 mesi di età; libri o albi illustrati per bambini di età compresa tra i 18 e i 36 mesi e libri o albi illustrati per bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni.
II Sezione: Crescere con i libri  Prevede un premio assegnato direttamente dai lettori in relazione a un tema specifico. Per questa edizione il tema scelto dalla Giuria è: “Facciamo che ci leggi una storia? Il gioco nei libri per bambini”. Le realtà che partecipano all’XI edizione sono, oltre a Torino, Iglesias-Carbonia, Monza, la Rete Npl Campania, Roma e il Sistema Bibliotecario dell’Area metropolitana torinese (SBAM).
III Sezione: Reti di libri Questa sezione premia, tra i progetti sviluppati secondo le linee del programma Nati per Leggere: Il miglior progetto locale consolidato da almeno 5 anni; Il miglior progetto di recente istituzione.
IV Sezione: Pasquale Causa Con questa sezione il Premio Nati per Leggere intende onorare la memoria del dott. Pasquale Causa, pediatra di libera scelta che ha contribuito in modo determinante alla diffusione di Nati per Leggere. Il premio annuale viene assegnato a un pediatra che, aderendo al programma, abbia promosso nel modo più efficace e continuativo la pratica della lettura in famiglia ai bambini fin da piccolissimi.
La Giuria del Premio, che elegge i vincitori nelle diverse sezioni, è formata da docenti, esperti di letteratura per l’infanzia, bibliotecari, pediatri, librai specializzati e giornalisti. Per l’XI edizione la Presidente sarà Marnie Campagnaro, docente di Letteratura per l’Infanzia e l’Adolescenza presso l’Università di Padova, coadiuvata dalla Vice-Presidente Katia Rossi, bibliotecaria. Gli altri giurati saranno: Nicoletta Bacco, Domenico Bartolini, Domenico Cappellucci, Stefania Lanari, Flavia Manente, Patrizia Musco, Maria Mussi Bollini, Debora Sanino, Giovanna Sciacca.

Ogni vincitore riceve un assegno del valore di 2.000 € e la cerimonia di presentazione si svolge ogni anno a Torino presso il Salone Internazionale del Libro. Per partecipare al Premio è sufficiente contattare la segreteria organizzativa all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.e richiedere il modulo di partecipazione corrispondente alla sezione per cui si intende avanzare una candidatura. La scadenza di presentazione delle candidature è venerdì 28 febbraio 2020.