04
Gio, Giu
193 New Articles
Messaggio Promozionale
 

Coronavirus in Piemonte, situazione 24/2-3

Sanità Piemonte
Typography

L'azione preventiva della task force della Regione Piemonte. Numero Verde 800 333 444. Tende davanti agli ospedali. Coronavirus, nessuna limitazione a frontiera Svizzera. Chiuse le attività di teatro Stabile Torino e Torino Spettacoli. Chiuso il Laser Park al Pala Alpitour. Fabio Ravanelli Confindustria Piemonte. Agis e Federvivo su Coronavirus.

La situazione nella nostra regione al 24 febbraio 2020, ore 17. L'azione preventiva della task force della Regione Piemonte. Numero Verde 800 333 444. Tende davanti agli ospedali. Coronavirus, nessuna limitazione a frontiera Svizzera. Chiuse le attività di teatro Stabile Torino e Torino Spettacoli. Chiuso il Laser Park al Pala Alpitour. Fabio Ravanelli Confindustria Piemonte. Agis e Federvivo su Coronavirus.


LEGGI L'ORDINANZA IN PDF


Numero Verde 800 333 444

La Regione Piemonte ha attivato il sistema di prevenzione e controllo sanitario e mantiene uno stretto contatto con il Ministero della Salute.

ATTENZIONE: si ribadisce che l'800 333 444 è l'UNICO NUMERO VERDE della Regione Piemonte attivo e autorizzato a rispondere ad eventuali richieste di chiarimenti in merito all'ordinanza del 23 febbraio, oltre che a fornire altre informazioni relative alla Regione. Per ogni informazione è inoltre possibile scrivere un'email all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Non esistono altri numeri ufficiali a disposizione dei cittadini piemontesi. Si chiede cortesemente la collaborazione di tutti affinché non vengano diffuse notizie senza fondamento. Grazie per il supporto.


Tende davanti agli ospedali

L'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, d'intesa con il coordinatore dell'Unità di crisi regionale sul "coronavirus covid19", ha disposto l'allestimento presso tutti i Pronto soccorso del Piemonte di tende pneumatiche della Protezione civile per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti di contagio possano accedere a un percorso differenziato, a tutela delle norme di prevenzione che impediscono la diffusione del virus. E' quanto informa un comunicato della Regione. "Prima di entrare nel Pronto soccorso - spiega la nota - si verrà sottoposti alla misurazione della febbre e alle domande necessarie a indirizzare il paziente verso il percorso sanitario più appropriato".

E' stata allestita dalla Protezione Civile comunale a Casale Monferrato (Alessandria) una unita mobile all'esterno dell'ospedale 'Santo Spirito' per un primo screening nei casi di sospetto contagio da Coronoavirus. L'amministrazione comunale invita a non recarsi al pronto soccorso, ma a telefonare al numero unico di emergenza 112 restando in casa. Il Comune e la polizia locale sono operativi h24 con per fornire l'adeguato supporto alle autorità sanitarie e di pubblica sicurezza. "E' un momento difficile che potremo superare al meglio con attenzione, responsabilità e calma", sottolinea il sindaco Federico Riboldi. (ANSA).


Coronavirus, nessuna limitazione a frontiera Svizzera

"Non ci saranno limitazioni per le frontiere". Lo ha dichiarato, Daniel Koch, capo divisione malattie trasmissibili all'Ufficio federale della sanità pubblica della Svizzera. La Confederazione non ha introdotto e non introdurrà a breve provvedimenti nei confronti della libera circolazione delle persone alle frontiere con gli stati dove si sono verificati contagi di Coronavirus. Non sono state previste per ora limitazioni per i frontalieri che dal Verbano Cusio Ossola si recano in Canton Vallese e Canton Ticino a lavorare.

Non ci sono stati particolari controlli stamattina ai valichi di frontiera tra Italia e Svizzera per il coronavirus. "Il transito dei nostri frontalieri è stato regolare" afferma Antonio Locatelli, coordinatore dei frontalieri del Verbano Cusio Ossola. I 6 mila lavoratori italiani non hanno subito rallentamenti o controlli sanitari ai posto di confine di Gondo (Canton Vallese), Brissago e Camedo (Canton Ticino)”. (ANSA).


TEATRO STABILE DI TORINO - TEATRO NAZIONALE

IN OTTEMPERANZA ALL'ORDINANZA N. 1 EMANATA DAL MINISTRO DELLA SALUTE E DAL PRESIDENTE DELLA REGIONE PIEMONTE VENGONO SOSPESE LE ATTIVITÁ DEL TEATRO STABILE DI TORINO – TEATRO NAZIONALE IN PROGRAMMA DA LUNEDÌ 24 FEBBRAIO A DOMENICA 1° MARZO 2020

La Presidenza e la Direzione del Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, in adempimento all'ordinanza n. 1 emanata il 23 febbraio 2020 dal Ministro della Salute Roberto Speranza e dal Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, per contrastare la diffusione del Coronavirus (COVID-2019), comunicano l'annullamento di tutte le attività programmate da lunedì 24 febbraio a domenica 1 marzo 2020.

In particolare:

al Teatro Carignano vengono cancellate le repliche dello spettacolo UN NEMICO DEL POPOLO e quelle de IL MAGO DI OZ;

al Teatro Gobetti vengono rinviate le recite dello spettacolo RADIO CLANDESTINA e non si terrà il relativo incontro di Retroscena con Ascanio Celestini programmato il 26 febbraio, alle ore 17.30. Le recite di RADIO CLANDESTINA sono state riprogrammate dall'1 al 6 giugno 2020, sempre al Teatro Gobetti.

È inoltre annullata la proiezione del documentario IN VIAGGIO CON LUCA prevista martedì 25 febbraio, alle ore 18.30, al Cinema Massimo, per commemorare il quinto anniversario della scomparsa di Luca Ronconi.

Resta invariato l'orario di apertura della Biglietteria del Teatro Gobetti per eventuali sostituzione o rimborso dei biglietti, mentre rimarrà chiusa la Biglietteria del Teatro Carignano.o nelle situazioni di difficoltà”.


Fabio Ravanelli Confindustria Piemonte

"Le nostre imprese stanno affrontando uno scenario in continua evoluzione che ha già colpito l'economia mondiale e potrebbe rivelarsi drammatico. Ben si comprende quindi l'assoluta necessità delle misure fiscali che sono in arrivo a sostegno delle aziende che operano nelle zone colpite dall'emergenza". Lo afferma il presidente di Confindustria Piemonte Fabio Ravanelli a proposito delle conseguenze della diffusione del Coronavirus. "È estremamente importante che tutte le componenti sociali, la politica e il mondo produttivo affrontino uniti questo delicato momento. L'Associazione sta seguendo con attenzione l'evolversi della situazione, che ha già portato alla sospensione di appuntamenti di assoluta importanza quali il MIDO, il più grande evento internazionale dedicato al settore mondiale dell'ottica, in programma a fine mese, o il Connext, l'incontro nazionale di partenariato industriale di Confindustria atteso per questa settimana".

ANSA


Laser Park Pala Alpitour

A seguito dell’ordinanza della Regione Piemonte relativa alle misure urgenti di contenimento e gestione dell’emergenza da “Coronavirus”, il Laser Park rimarrà chiuso fino a sabato 29 febbraio 2020 compreso. Tutte le prenotazioni per questo periodo potranno essere posticipate a partire dal primo periodo utile. Ogni variazione sarà tempestivamente comunicata.


Torino Spettacoli

Spettacoli ed eventi in programma dal 24 al 29 febbraio nei Teatri Erba, Alfieri e Gioiello, sono temporaneamente sospesi in osservanza dell´ordinanza del Ministro della salute di Intesa con il Presidente della Regione Piemonte in relazione alle Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell´emergenza epidemiologica da COVID-2019 che prevedono appunto la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi, in luogo pubblico o privato, sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva e religiosa.

Per informazioni si prega di scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., di contattare il numero 011.6615447 (dalle 10 alle 17) o di consultare il sito www.torinospettacoli.it


SPETTACOLO: EMERGENZA CORONAVIRUS, AGIS E FEDERVIVO AL MINISTRO FRANCESCHINI “APRIRE STATO DI CRISI DEL SETTORE”

In una lettera inviata oggi al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, le Presidenze di AGIS – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo e FEDERVIVO hanno chiesto l’apertura di uno “stato di crisi” del settore dello spettacolo dal vivo alla luce delle recenti disposizioni adottate dal Governo per limitare la diffusione del Covid-19. Condividendo, animati da un grande senso di responsabilità, ogni decisione a tutela della salute dei cittadini, AGIS e FEDERVIVO non possono esimersi dal sottolineare – si legge nella lettera – le gravissime difficoltà che già in questa fase sta subendo l’intero comparto. Il blocco di ogni attività di spettacolo nelle regioni del Nord Italia sta generando infatti un impatto economico estremamente negativo, tanto per il crollo dei ricavi da bigliettazione quanto per la drastica riduzione delle paghe degli addetti del settore. Per questa serie di ragioni AGIS e FEDERVIVO ribadiscono la necessità di un intervento urgente a favore del settore, con lo stanziamento di adeguate risorse e con l’adozione di provvedimenti normativi che evitino qualsiasi penalizzazione nei confronti dei soggetti finanziati dal FUS. AGIS e FEDERVIVO ribadiscono la piena disponibilità ad ogni tipo di interlocuzione con il Governo nella certezza che si potranno individuare soluzioni che contengano l’impatto negativo sulle imprese di spettacolo.


Ph. Regione Piemonte

Messaggio Promozionale